Prima di Covid-19, il settore di beauty tech at-home era già pronto per la crescita. Ma l’isolamento pandemico gli ha dato una spinta gigantesca in Europa, spinta ulteriormente dall’entusiasmo dei consumatori della Gen Z.

Il Perso di L’Oréal, un sistema at-home potenziato dall’IA che analizza la pelle, ha suscitato interesse al CES 2020 di gennaio e si prevede che avrà buone prestazioni al momento del lancio del prossimo anno, mentre la gamma di dispositivi di purificazione Luna di Foreo, lanciata per la prima volta nel 2013, si è affermata come un prodotto di grande appeal per il mass market.

At-home beauty tech comprende le applicazioni puramente digitali, come le applicazioni mobili progettate per consentire agli utenti di tracciare e analizzare la loro pelle, fino ai dispositivi fisici per uno scopo specifico, come Luna di Foreo, e ai dispositivi che utilizzano un approccio misto di hardware e software. Il mercato globale dei dispositivi di bellezza è stato valutato da Vynz Research a 39,1 miliardi di dollari nel 2018 e si prevede che crescerà fino a 107,2 miliardi di dollari entro il 2024.

Le industrie del fitness e del benessere sono già state potenziate da at-home tech. La beauty si sta delineando come la prossima frontiera, permettendo ai consumatori di avere un più stretto controllo personale sulle loro routine di bellezza. “Allo stesso modo seguiamo i nostri passi, il nostro sonno, l’assunzione di cibo, la quantità che andiamo in palestra e analizziamo tutto questo, lo faremo con la nostra salute della pelle, e controlliamo che i nostri prodotti stiano effettivamente funzionando per noi”, dice Jenni Middleton, direttore della bellezza presso lo specialista di tendenze WGSN. “È il modo in cui sai che stai facendo bene e che ti motiva a mantenere buone abitudini”.

 

Photo: L’Oreal Group

Aspettatevi una nuova ondata di data tracker per le routine di bellezza, simili, ad esempio, ai dispositivi preferiti dai runner per l’analisi delle loro statistiche. Un esempio è l’applicazione NAIA Skin360 di Neutrogena, lanciata prima della pandemia. Analizza la pelle degli utenti con la fotocamera di uno smartphone, poi offre una routine personalizzata e traccia i progressi della pelle. In un momento in cui l’accesso dei consumatori ai consigli dermatologici degli esperti di persona è limitato, app come questa sono pronte a riempire lo spazio.

“Vedremo un gran numero di queste applicazioni quando i marchi si renderanno conto che questo è il modo di connettersi con un consumatore intelligente che vuole capire meglio la propria pelle e come trattarla”, predice Middleton. “Si tratta di dare correttamente la diagnosi, la prescrizione, controllare che funzioni. Si tratta di personalizzare e di darti il controllo”.

Vuoi leggere più articoli come questo?

Iscriviti alla nostra Newsletter.

2 Comments

  1. Avatar

    Non avrei mai immaginato che arriveranno dispositivi come Luna di Foreo e il loro UFO è davvero sorprendente. Userò l’opportunità per investire nella mia skincare e persino acquistare alcuni regali di Natale sul loro sito web ora che hanno incredibili offerte del Black Friday.

    Reply
    • Avatar

      Esatto, Bianca! Anche noi abbiamo approfittato del Black Friday per investire sul nostro skincare 😉

      Reply

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GET IN TOUCH

MAIL
info@pignacolada.com

TEMPORARY OFFICE
SPAZIO FUORI LUOGO
Via Alessandria, 3, 20144 Milano (MI)

GET THE NEWSLETTER

RIMANI AGGIORNATO SULLE NOVITÀ DEL MONDO PIGNACOLADA

PIGNACOLADA
di Gloria Formenti P.IVA: 09019220962

Loading...